Lunedì, 17 Maggio 2021

Vino, le scuole di enologia danno lavoro a 22mila studenti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Roma, 27 novembre 2917. In Italia ogni anno in campo enologico circa 22.000 studenti. Le Scuole Enologiche Italiane assicurano indici occupazionali intorno al 90%. Chi completa la formazione, trova impiego nelle vigne, nelle cantine, nella distribuzione commerciale, nel marketing e nell’enoturismo. 

“Il vino come prodotto artigianale ma anche culturale del nostro territorio richiede il supporto di tecnici specializzati di alto livello. Per questo oggi ho partecipato con piacere e orgoglio all’incontro tra il ministro Marco Bussetti la Rete Nazionale Scuole Enologiche. E’ fondamentale che il Miur sostenga e supporti questo importante presidio formativo, che rappresenta anche un fondamentale trampolino occupazionale per molti giovani”.

Così Angela Colmellere, deputato della Lega in Commissione Istruzione, commenta il primo incontro tra ministro e Rete avvenuto questo pomeriggio presso il Miur.

Il vino è cultura e il settore enologico è una risorsa per la crescita e lo sviluppo del tessuto economico italiano.

La Rete delle scuole italiane di enologia è formata da 12 istituti, capofila è il Cerletti di Conegliano che è la più antica scuola enologica italiana, appartenente a Assoenologi

È una rete di scopo che attraverso la collaborazione reciproca si impegna a mantenere queste eccellenze nel campo vitivinicolo. Scuole che formano i migliori enotecnici con competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro.

"Vista la capacità di proiettare tanti giovani nel mondo del lavoro - conclude l'onorevole Colmellere - accogliamo con entusiasmo l'intenzione di potenziare la rete anche attraverso una piattaforma digitale le best practices del settore".